PROGETTI
AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

Sezioni principali


Amministrazione trasparente


L'istituto


Offerta formativa


Servizi on-line


Modelli per i Docenti


Varie


Educazione fisica


Feed RSS

Valid CSS! Valid HTML 4.01 Transitional

Utenti nel sito: 222
Fine colonna 1
 

LABORATORIO 2014-15

PROGETTO TEATRO SCIENTIFICO “IN NOI O IN NESSUN LUOGO”

Docenti referenti: Daniela D’Aurizio, Michela Lippi, Cristina Casciola, Vincenzo Falasca.

Classi coinvolte: tutte le classi della scuola secondaria di primo grado di Belfiore e Colfiorito.

Obiettivi:

·         Conoscere in modo più approfondito la figura di Galileo e la sua importanza nella storia e nella scienza.

·         Esplorare empiricamente e riprodurre macchine scientifiche per comprendere le leggi che attraverso di esse possono essere dimostrate.

·         Comprendere e applicare il metodo scientifico di Galileo.

·         Conoscere la figura di Dante e la Divina Commedia.  

·         Saper interpretare artisticamente  e saper comunicare attraverso forme espressive corporee.

·         Acquisire maggiore autostima.

·         Collaborare per la realizzazione di un progetto comune.

 

Il progetto di teatro scientifico “IN NOI O IN NESSUN LUOGO” si svilupperà  nel corso dei laboratori pomeridiani del martedì pomeriggio della scuola secondaria di primo grado di Belfiore.

Si è scelto di incentrare la sceneggiatura intorno al personaggio di Galileo Galilei per avvicinare gli studenti alla grande valenza storico scientifica delle sue scoperte.

Quattro, delle cinque scene teatrali, si snodano intorno ai seguenti temi:

·         La Luna e il cannocchiale

·         Il piano inclinato e la forza di gravità

·         I due sistemi: Tolemaico e Copernicano

dal punto di vista di Galileo. 

La quinta scena tratta delle lezioni che Galileo ha tenuto sulla struttura dell’Inferno di Dante, strettamente collegata alla concezione aristotelica dell’universo e spiegata in dettaglio dallo scienziato pisano. In particolare all'epoca di Galileo vi erano due interpretazioni dell'opera dantesca: quella di Manetti, fiorentino, appartenente all'Accademia delle Scienze di Firenze, poi Accademia della Crusca, e quella di Vellutello, veneziano. Le due posizioni erano differenti, opposte; era così necessario dirimere la questione e poteva farlo solo un matematico, possedendo le qualità per esaminare la questione sia dal punto di vista scientifico, sia da quello umanistico. L'unico matematico che decise di accettare la sfida fu proprio Galileo Galilei.

 

Il laboratorio, nel suo complesso, ha un forte valore interdisciplinare, poiché implica il coinvolgimento di quasi tutte le discipline, ed ha altrettanto valore formativo, poiché presuppone da parte di ciascuno studente un impegno a lungo termine di responsabilità nella realizzazione di un pezzo dello spettacolo per la messa in scena finale.

L’aspetto scientifico consisterà nella realizzazione di:

·         macchine scientifiche il più possibile fedeli a quelle originali per la scena (esempio: il piano inclinato con i campanellini di Galileo, il cannocchiale, la sfera armillare …);

·         modellini di vario tipo per sperimentare leggi del moto, l’equilibrio dei corpi, le fasi lunari e altro;

·         modellini in scala per rappresentare il sistema Tolemaico e Copernicano;

·         pannelli esplicativi della teoria legata a tutti i modelli e a tutte le macchine realizzate. Tali pannelli saranno una sorta di documentazione dell’intera attività, saranno composti di foto, testi originali di Galileo e legati ai fenomeni illustrati, dimostrazione scientifica del funzionamento dei modelli esposti.

Vi saranno inoltre anche un pannello dedicato all’uscita didattica effettuata a Firenze per visitare il Museo Galileo Galilei, ed un altro pannello in cui sarà illustrato lo studio effettuato da Galileo per confermare la struttura dell’Inferno di Dante ipotizzata dal Manetti.

Oltre alla messa in scena dello spettacolo, gli alunni si occuperanno di spiegare a chiunque lo volesse i modelli realizzati e i pannelli prodotti che verranno esposti.

L’auspicio è di poter partecipare alla  V Festa di Scienza e Filosofia di Foligno, rappresentando le scene e portando i modellini realizzati in uno spazio idoneo (portico di Palazzo Trinci).

 

Foligno, 09/12/2014

 

I docenti referenti

 

 

 



Categoria: SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Data di creazione: 02/11/2014
Sottocategoria: Belfiore Ultima modifica: 08/12/2014 12:03:16
Permalink: LABORATORIO 2014-15 Tag: LABORATORIO 2014-15
Inserita da: VINCENZO FALASCA Pagina vista 960 volte
  Feed RSS Stampa la pagina ...  

Fine colonna 2
Torna indietro Torna su - access key T